Quando tutto appare NERO, usa i colori della vita per ridipingere ciò che vedi!

arcobaleno

Che succede quando abbiamo l’impressione che tutto intorno a noi sia solo di un colore? Quando per ogni gesto o pensiero che facciamo, la sensazione resta identica a quel colore? E quando ci svegliamo con appiccicato addosso quello stesso colore? Che succede quando quel colore è il Nero?

Succede che stiamo male! Che pensiamo male! Che parliamo male! E che agiamo male!

Succede che niente va come dovrebbe. Sembra che la ruota della vita sia rimasta impigliata ad un qualcosa che non le permette di girare e far vedere tutto il suo splendore. E noi ingabbiati dentro, senza luce, né aria. Soffocati da paure, ansie, frustrazioni e delusioni. Impotenti e incapaci di sganciare quel morsetto e volare liberi verso l’arcobaleno di colori e luci che la vita è!

“Ma io non ci voglio stare dentro a questo buco nero!!”

“Sono gli altri che mi tengono costretta/o lì!”

“Non so come fare ad uscirne!!”

Queste, o simili, sono le frasi che accompagnano la condizione descritta prima.

Ma, visto che sono particolarmente buona ;-), voglio aiutarvi (o almeno provarci) a uscire da questo stato.

Dunque, cominciamo!

Per prima cosa, importantissima, NESSUNO (e ripeto, NESSUNO) PUO’ AVERE IL POTERE DI TENERVI IN QUESTA CONDIZIONE. 

 Perché vi confido un segreto: nel caso in cui ci fosse, mi piacerebbe conoscerlo per chiedergli o chiederle come fa!! Giusto un trucchetto vorrei rubare per poterlo utilizzare su qualcuno!! 😉 Finalmente potrei risolvere il problema della mia vita!! Quindi, per favore, se qualcuno di voi, conosce chi riesce a fare questo, siate gentili e presentatemelo!!

Tornando seri, il primo passo per uscire da questa condizione è appunto RICONOSCERE CHE SIAMO GLI UNICI RESPONSABILI DELLO STATO D’ANIMO CON CUI AFFRONTIAMO LA VITA!!

E qui, arriviamo al secondo punto. Le condizioni esterne possono dipendere o non dipendere da noi. Questo sì. Ci sono situazioni che non ci piacciono e che però fanno parte della vita e non si possono evitare. Penso a un lutto, alla perdita del lavoro, a una malattia. Ma quello che può essere diverso, e che dipende ESCLUSIVAMENTE DA NOI, è IL MODO IN CUI SCEGLIAMO DI AFFRONTARE quella condizione.

Possiamo decidere di stare dentro una condizione di tristezza anche per tutta la vita. Oppure sentire, ad un certo punto, che la vita è troppo bella per passarla piegati dentro un dolore, un pensiero, un sentimento che l’unica cosa che riesce a farci fare è rimpiangere di essere nati!

Non so voi, ma io da un po’ ho realizzato che la vita non è poi così lunga. E che di tempo impiegato in malo modo ne ho già trascorso abbastanza! E visto che vivere mi piace tanto (ma tanto tanto!! :-)), non ho intenzione di passare il resto dei miei giorni chiusa dentro un bozzolo brutto e deforme che mi costringe a trasformarmi altrettanto!

Detto questo, so che abbiamo a disposizione un’infinità di strumenti per vivere questa vita al meglio! Quindi, se la condizione in cui mi trovo in un dato momento non mi piace, io sapete cosa faccio? Afferro l’astuccio dei colori della vita, rovisto dentro, tiro fuori quelli più vivaci che vi trovo e inizio a colorare ciò che non mi piace. O come dice Chiara Gamberale, indosso lenti colorate, e provo a guardare le cose con colori diversi. Poi mi stampo il più bel sorriso che trovo dentro di me e… vivo!

occhio clorato

Per esempio, quando scelgo il colore ROSA, sento dentro di me che quella situazione è solo momentanea. Che presto passerà. E che la vita mi aiuterà a superarla premiandomi, alla fine, con ciò che più desidero. Nel frattempo per non pensarci troppo posso benissimo dedicarmi a ciò che mi fa stare bene. Leggo un libro, scrivo il mio diario, guarda la mia serie televisiva preferita, faccio una passeggiata al sole (se c’è), mi preparo una torta, faccio shopping.

Se invece scelgo il GIALLO, sento che devo rivedere lo stato delle cose. Devo sforzarmi di guardarle da un’altra prospettiva (c’è sempre almeno un’alternativa), dando loro un’altra spiegazione. Capisco che devo fare più attenzione, che ho valutato male, e che mi sto complicando la vita o che sto esagerando le sensazioni che provo. Quindi, trovo il modo di fermarmi a rifletterci sopra, magari mettendole per iscritto (a me aiuta!) e dopo, come per magia, sto meglio. Sollevata!

Se scelgo il colore BLU, sento che devo semplicemente stare con quel sentimento per un po’. Sì, ci devo stare perché mi serve. Quello che sto attraversando è necessario alla mia crescita personale. Quindi, combatterlo o rifiutarlo non mi farà bene. Devo accoglierlo e lasciare che faccia il suo corso. Devo ACCETTARE!

Se scelgo il VERDE, sento che sono pronta ad agire per cambiare lo stato delle cose. Quando questo è possibile. Per esempio, decido che posso chiudere una relazione se questa mi fa solo del male. E può essere una relazione d’amore come di amicizia. Oppure cambio lavoro perché sento che in quello in cui sono non ho più stimoli a crescere professionalmente, o non sono più motivata, o sono semplicemente stanca. Chiaramente, ripeto, quando le condizioni permettono un cambiamento che per paura o dubbi vari non riusciamo ad attuare.

Ecco, io ho imparato a fare così!

E voi, in che modo superate i momenti difficili?

Alla prossima riflessione…

Nadia

 

 

 

 

2 thoughts on “Quando tutto appare NERO, usa i colori della vita per ridipingere ciò che vedi!

  1. alina il said:

    Domani io scelgo verde anche nel abbigliamento mi fa sentire piena di vita,respiro persino meglio.anche quando ci sono giorni in cui viene piu facile vestirsi di nero. E di solito si sceglie nero perche ci si sente giu di morale,ci si vuole coprire il corpo e l,anima.il tuo articolo spiega psicologicamente tante cose riguardo ai colori.brava .chi sa capire vedra quante belle cose dici.

    • Grazie! dici bene rispetto al verde! A me fa quest’effetto sui vestiti il giallo e il fucsia. Ma ad ognuno il suo! 😉